Sitemap

Navigazione veloce

Pubblicato nel 1988, girato nel 1996 e musicalizzato nel 2010, il racconto di Roald Dahl di una studentessa con tendenze ribelli e poteri telecinetici ha avuto più di 30 anni per lanciare il suo incantesimo su lettori e pubblico.Se l'adattamento di Matthew Warchus dello spettacolo teatrale che ha creato con lo scrittore Dennis Kelly e il compositore Tim Minchin sembra l'iterazione meno essenziale fino ad oggi, è comunque uno che viene fornito con una gran quantità di fascino, anche se di un tipo che potrebbe mandare chiunque sia contrario allo sprint precoce dei moppet per la collina più vicina.

Probabilmente troverebbero compagnia lì in Agatha Trunchbull, la preside che detesta i bambini e lancia martelli che diventa la nemesi dell'omonima Matilda nel momento in cui quest'ultima arriva all'istituto dickensiano che presiede.

Alcune critiche sono state mosse a Dame Emma Thompson per l'imbottitura e le protesi che ha indossato per interpretare questo tiranno. Tuttavia, la domanda più grande è perché sono stati spesi così tanti sforzi per trasformarla quando i produttori del film avrebbero semplicemente potuto seguire la propria pista e scegliere un tipo - una mossa Hairspray che ha funzionato perfettamente dalla svolta vincitrice di Olivier di Bertie Carvel nella produzione originale.

Così com'è, c'è una netta sensazione che la Thompson stia gareggiando contro il suo stesso trucco.Non sorprende, quindi, che il film sia un po' più facile da guardare quando lascia Crunchem Hall, sia per esplorare la narrazione fantasiosa con cui Matilda seduce la sua bibliotecaria, sia per la sua orribile vita familiare con i suoi genitori monumentalmente sconsiderati (Stephen Graham e Andrea Riseborough hanno uno scenario -masticare palla).

Matilda stessa è abilmente interpretata dalla nuova arrivata Alisha Weir, la cui insistenza da Emma Watson sull'ar-tic-you-late-ing ogni sillaba è almeno in parte migliorata dalla sua voce angelica.Lashana Lynch, nel frattempo, offre il suo tenero sostegno nei panni di Miss Honey, un'insegnante la cui passività offre un contrasto sorprendente con il vigore imponente dei suoi eroi d'azione Bond e Woman King.

Le argute rime di Minchin (miracolo/ombelicale, abuso/cambusa) sono una costante fonte di allegria.Eppure c'è anche commozione in numeri come lo strappalacrime "When I Grow Up".Per quanto sia vivace e divertente Matilda, tuttavia, non puoi fare a meno di sentire che qualcosa di fondamentale è scomparso nel viaggio dal palco allo schermo: quel piccolo tocco di magia che, come le abilità di Carrie del suo protagonista, trasforma il risultato in qualcosa di eccezionale .


Matilda the Musical arriva nei cinema del Regno Unito il 25 novembre e Netflix negli Stati Uniti dal 9 dicembre.Per ulteriori informazioni, dai un'occhiata al nostro elenco di tutti i film in uscita che ti arriveranno presto.

Tutte le categorie: Altri