Sitemap

Navigazione veloce

Nella nuova commedia poliziesca di primavera Confess, Fletch, Jon Hamm affronta quella che potrebbe essere la sua più grande sfida recitativa di sempre: interpretare un uomo che disdegna le scarpe.Certo, l'uomo che è diventato famoso come Don Draper in Mad Men non è sempre stato così ben vestito nei film come lo era in quello spettacolo quasi perfetto.In Confess, Fletch, come "reporter investigativo di una certa fama"Irwin Maurice Fletcher, è ancora più lontano del solito dall'immagine liscia di Hamm.Hamm ha interpretato ruoli sciocchi in cameo e sketch del Saturday Night Live, e ha parodiato la propria immagine di Gabriel in Good Omens.Ma nei film tende a essere poco sorridente e stanco, spesso un po' minaccioso.In Confess, Fletch, si toglie le scarpe e i calzini ogni volta che ne ha l'occasione e fa di tutto ciò che vede come propaganda pro-calzature della società un problema domestico, il tutto perché sospettato di omicidio.

La gag in esecuzione sulla perenne scalzatura di Fletch è uno dei pochi momenti in cui Confess, Fletch sella al suo attore protagonista con materiale che sembra un po' troppo scadente per il suo istinto comico da vendere.Altrimenti, il film è una svolta da star del cinema in ritardo per un attore che tende a scegliere ruoli secondari, piuttosto che perseguire il prestigio da TV a film in stile George Clooney.Forse la carriera cinematografica di Hamm non è stata così sottovestita come sembra.Forse è mancato il tipo di intuizione che lo scrittore e regista Greg Mottola offre per costruire una storia attorno a ciò che Hamm sa fare meglio.

Mottola ha già diretto Hamm una volta, nella commedia poco vista ma divertente Al passo con i Jones.Lì, la star si è appoggiata alla sua immagine di uomo-uomo, interpretando una super-spia improbabile che si atteggia a vicino di periferia di una coppia genuinamente banale interpretata da Zach Galifianakis e Isla Fisher.Joneses ha le sequenze d'azione slapstick che contraddistinguono questo tipo di commedia di vicinato.Confessa, Fletch si muove a un ritmo più rilassato che meglio si adatta sia ad Hamm che a Mottola.Dopo essere volato negli Stati Uniti da una gita (e una vorticosa storia d'amore) a Roma, Fletch arriva in una casa a schiera di Boston affittata per suo conto e lì trova un cadavere.

Foto: Robert Clark/Miramax

Chiama subito i carabinieri, ma questo non lo solleva dai sospetti.Le sue risposte oneste ma eccessivamente invertibili all'interrogatorio mettono alla prova la pazienza del poliziotto altrimenti ostinato Detective Monroe (Roy Wood Jr.). Avvertito di stare lontano dal caso di omicidio, Fletch avvia ancora un'indagine amatoriale, mentre cerca anche di scoprire l'ubicazione di alcuni dipinti di valore per la sua nuova ragazza, Angela (Lorenza Izzo). Vari personaggi colorati entrano ed escono dalla storia, come si addice a un fumetto giallo.

Confess, Fletch è basato sull'omonimo romanzo di Gregory Mcdonald, parte di una lunga serie di libri.I fan della commedia potrebbero ricordare che Chevy Chase ha interpretato Fletch negli anni '80, in una commedia ben accolta (Fletch) e in un sequel sconsiderato (Fletch Lives). Da allora, molti attori e registi hanno preso in considerazione l'idea di riavviare il personaggio: i progetti di Abortive Fletch hanno giocato con Jason Lee, Ben Affleck, Zach Braff e/o Jason Sudeikis per il ruolo.

Il modo in cui il revival della serie da parte di Hamm sta ricevendo una doppia uscita incerta in alcuni cinema e su VOD suggerisce quanta poca fiducia abbia Miramax nel progetto.Il film, però, dice il contrario.È agile e divertente: il tipo di commedia che gli spettatori adulti erano soliti vedere molto più regolarmente di quanto non facciano oggi.Le commedie sono cadute in disgrazia in un panorama cinematografico più devoto ai film di vendetta in stile Liam Neeson, ma Confess, Fletch è rinfrescante, non solo per come usa la commedia, ma per come usa Jon Hamm.

Mottola (che ha anche realizzato Superbad e Adventureland) ha un talento per girare commedie come se fossero film veri, piuttosto che sitcom sovraesposte.Non sacrifica l'umorismo visivo per il bene dell'estetica.Il suo lavoro qui con il direttore della fotografia Sam Levy ha un bagliore oscuro, mentre i tagli e le riprese di reazione hanno una fermezza senza fronzoli che ricorda Steven Soderbergh nella sua modalità più impassibile.A volte, il film potrebbe sopportare di mantenere la trama a una distanza maggiore e godersi un po' di più la sua atmosfera, come Il lungo addio, o nei suoi strani personaggi comici, come Il grande Lebowski.Poi di nuovo, alcuni degli intermezzi più ampi del film sono un po' piatti - principalmente il ruolo di Marcia Gay Harden nei panni della madre di Angela dall'accento da cartone animato, un personaggio irrefrenabile che potrebbe sopportare di reprimere un po' di più.

Foto: Miramax

Hamm, invece, sembra proprio sulla lunghezza d'onda di Mottola.Capisce che trovare il terreno comune tra mistero e farsa potrebbe essere più importante che segnare con battute individuali.Hamm ha telegrafato a lungo il suo interesse per i ruoli comici e in questo film si dimostra ugualmente capace di sciocchezze slapstick e di reagire alla stupidità dei suoi co-protagonisti, come fa quando l'attore e sceneggiatore di Le amiche della sposa Annie Mumolo rimbalza su di lui in una scena.Riesce anche a gestire battute e irriverenza ("La parte dell'emergenza è finita", racconta ai poliziotti sull'omicidio) senza trasformarsi in una smart machine in stile Ryan Reynolds.

La carriera cinematografica di Hamm è esistita in gran parte all'ombra del suo brillante lavoro a lungo termine come Don Draper e Confess, Fletch non è stato progettato per cambiarlo.In effetti, Mottola è arrivata al punto di progettare una breve e scoppiettante reunion con il co-protagonista di Mad Men di Hamm John Slattery.La volontà del regista di ricordare attivamente agli spettatori il capolavoro televisivo di Hamm, anche se la star va in giro con un berretto dei Lakers e risolve un mistero confuso, suggerisce che Mottola è fiducioso sull'attrazione di Hamm come comico, anche se pochi altri registi sembrano essere a bordo.Mottola e Hamm non sembrano voler riscrivere Hamm a immagine di Fletch, o viceversa.Sembrano più come se stessero girando esattamente il film mezzo sciocco e mezzo astuto che vogliono vedere personalmente.

Confessa, Fletchuscirà in versione limitata nelle sale il 16 settembre e sarà disponibile lo stesso giorno su richiesta o per il noleggio digitale premium suAmazoneVudu.

Tutte le categorie: Recensioni