Sitemap

Navigazione veloce

Polygon è sul campo al Fantastic Fest del 2022, per raccontare nuovi film horror, fantascientifici, cult e d'azione in arrivo nei cinema e in streaming.Questa recensione è stata pubblicata in concomitanza con la premiere del film Fantastic Fest.

Futuri cupi e circostanze disperate sono così comuni sullo schermo che sono diventati la modalità predefinita per la narrativa di fantascienza, in particolare nei film a basso budget.È difficile per un mondo di merda o una distopia del futuro fascista distinguersi da tutti gli altri, quando così tante storie di fantascienza ci avvertono espressamente di come ogni aspetto della nostra vita potrebbe condurci verso una sorta di apocalisse.Il film di fantascienza indipendente Vesper non fa eccezione a questa regola: si svolge in un futuro in cui la Terra è diventata quasi inabitabile e i sopravvissuti si nascondono in scintillanti enclavi chiamate Cittadelle o vivono mano a bocca tra le macerie fuori le mura delle Cittadelle.Ma la fantascienza distopica raramente è stata così delicata e meravigliosamente dettagliata come il nuovo film di Kristina Buozyte e Bruno Samper.

Vesper suona contemporaneamente come un indie intraprendente con un budget ridotto nel regno del Dual e come il progetto di passione da 50 milioni di dollari di Alex Garland Annihilation.È una storia su piccola scala, a volte così silenziosa e minimalista che anche mettere due personaggi nella stessa stanza può sembrare sovraffollato.Ma nella loro prima uscita cinematografica dopo l'apprezzata importazione di fantascienza Vanishing Waves del 2012, Buozyte e Samper fanno un lavoro impressionante nel creare un mondo plausibile e tangibile intorno a questi spazi tranquilli.Lo scenario racconta la storia nel modo più efficace di qualsiasi esposizione laboriosa.

Immagine: IFC Films

Un intertitolo di apertura etichetta la brutta versione del futuro di Vesper come "The New Dark Ages".Di fronte al collasso ambientale, l'umanità ha cercato di evitare la catastrofe attraverso l'ingegneria genetica.Ma i virus e gli organismi modificati sono fuggiti in natura e hanno assunto il ruolo di specie invasive, spazzando via la biosfera originale della Terra e soppiantandola con nuove forme di vita aggressive.Gli unici semi che continueranno a crescere provengono dai laboratori della Cittadella e sono progettati per produrre raccolti sterili, quindi gli estranei devono scambiare o acquistare nuovi semi ogni stagione di crescita.

La tredicenne Vesper (Raffiella Chapman) è ostinatamente determinata ad applicare ciò che sa sulla scienza al problema, e lavora in un laboratorio sporco, unendo il DNA per capire come sbloccare i semi della Cittadella o coltivare le proprie piante commestibili.Ma il progetto deve passare in secondo piano rispetto alla sopravvivenza, mentre cerca di nutrire se stessa e suo padre paralizzato, Darius (Richard Brake), con tutto ciò che può raccogliere o scroccare dal loro ambiente letale.

Non esiste una linea temporale per quando o come tutto ciò sia accaduto, ma l'ambientazione mostra tutti i segni di un mondo che è diventato molto più avanzato del nostro prima che crollasse.Darius non può muoversi o parlare, ma una spina sporca che gli entra nel cervello gli consente di accompagnare Vesper nei suoi giri tramite un drone di telepresenza in bilico, attraverso il quale si lamenta perennemente delle sue scelte e di quanto tempo perde nel cercare di migliorare le loro vite .Nel frattempo, il fratello silenziosamente predatore di Darius, Jonas (Eddie Marsan), gestisce una piccola e dura enclave nelle vicinanze, dove ha allevato uno stormo di bambini il cui sangue è un bene prezioso negli scambi con la Cittadella.

Sebbene Vesper sia sua nipote e abbia appena superato la pubescenza, non fa mistero di volerla come riproduttore.In un genere in cui il male si presenta spesso sotto forma di eserciti di robot assassini o imponente e potente malvagio, Darius si distingue come un tipo di mostro più profondo e personale solo nel modo proprietario e consapevole in cui guarda Vesper quando lei viene da lui in una crisi, e i modi in cui la tocca con i suoi limiti quando entrambi sanno che non può permettersi di farlo arrabbiare.

Poi un drone proveniente da una delle Cittadelle si schianta vicino alla sua enclave e Vesper trova una donna elfa di nome Camellia (Rosy McEwen) ferita vicino al relitto.Camellia promette che se Vesper porterà lei e suo padre, Elias, al sicuro in una Cittadella, Vesper potrà entrare lei stessa.È tutto ciò che Vesper vuole, ma naturalmente l'offerta include alcune catture importanti.

La storia di base di Vesper si svolge in modi familiari dai film di fantascienza piccoli come Prospect e sovradimensionati e roboanti come Elysium.Ogni volta che un gruppo senza volto di élite onnipotenti affronta un singolo determinato che non vive nella loro ombra, è abbastanza chiaro che ci saranno molte piccole speranze costruite e infrante lungo la strada per trovare una sorta di percorso avanti, e che praticamente tutti gli altri nella storia sono lì per ingraziarsi le élite e ostacolare il protagonista.Vesper non fa abbastanza per differenziare la sua dinamica da tanti altri film simili; così tanto della sua azione sembra inevitabile che non c'è quasi spazio per la sorpresa.

E il film nel suo insieme spesso sembra un sacco di elementi da altri film di fantascienza memorabili, spesso cult: la tecnologia sgangherata, padre e figlia dinamico e intimidatorio mondo alieno di Prospect; la solenne oppressione intellettuale e inevitabile di Moon di Duncan Jones; la squallida tavolozza e la disperazione tesa ed esausta dei Figli degli uomini; e altro ancora.Vesper sarebbe un comodo doppio film con ognuno di loro - o con film come The Road, The Survivalist o Cargo.

Immagine: IFC Films

Ma ciò che rende Vesper memorabile non è l'unicità delle sue idee, è l'unicità di come vengono espresse.Le distinzioni iniziano con la performance di Chapman nel ruolo del protagonista; non è l'eroina feroce e combattiva di così tante storie distopiche del futuro, ma una sopravvissuta a testa in giù e diffidente che anche a 13 anni ha chiaramente imparato la cautela e la cura.Chapman e la sceneggiatura danno a Vesper una forma di grinta che sembra insolita per questo tipo di storia.Ogni sua mossa riconosce la sua storia, da giovane adolescente con troppe responsabilità e troppe libertà.Suo padre potrebbe disapprovarla, ma non può fare nulla per impedirle di fare ciò che vuole.Lei scusa le sue scelte con lui, ma le fa senza scuse o rimorsi.È mite e volitiva allo stesso tempo, ed è una combinazione intrigante.

I piccoli dettagli sul suo passato e sul mondo che emergono da quella performance sono tanto più graditi perché nessuno deve spiegarli.Lo stesso vale per la scenografia e la costruzione del mondo.Si trova in piccoli dettagli, come la faccia resa inesperta sul drone di Darius, chiaramente dipinta da un Vesper molto più giovane che stava cercando di farlo sembrare più confortantemente umano.Oppure si trova in misteri avvincenti, come i segreti dietro i "pellegrini", persone silenziose che nascondono il viso e raccolgono costantemente avanzi non commestibili da trasportare verso una destinazione sconosciuta.Nessuno si prende mai la briga di spiegare le immense e disintegranti macchine simili a polpi sparse per il paesaggio: come i robot simili nella serie Tales From the Loop di Amazon, fanno solo parte dello sfondo del mondo, un ovvio residuo di un ex fallito sforzo di rivendicare il mondo per una gamma più ampia di umanità rispetto ai pochi sopravvissuti alla clausura.

La risorsa più forte di Vesper, a parte la determinazione resiliente di Chapman e la minaccia sottile e poco appariscente di Marsan, è il modo in cui gli effetti speciali vengono usati per popolare quel mondo con una serie apparentemente infinita di vita minacciosa.La condizione in cui Vesper trova Camellia - con cose tentacolari che si muovono lentamente (piante? Animali? Entrambi? Nessuno dei due?) opportunisticamente attaccate a tutte le sue ferite - è sia vividamente orribile che trattata con disinvoltura come l'ovvio risultato di qualcuno che perde i sensi all'esterno.Ovunque vada Vesper, le cose inquietanti si contraggono, pulsano o si aprono avidamente su alberi e piante.Quando il drone volante di Darius viene aperto, rivela una forma disgustosamente Cronenbergiana di biotecnologia, tutta fronzoli, membrane e una sostanza densa e glutinosa.Anche le navi della Cittadella sembrano mostruosità insettoidi inquietanti.

Inevitabilmente, i fan della fantascienza che preferiscono le velocità accese e le frequenti sequenze d'azione di spettacoli di Star Wars come The Mandalorian e Il libro di Boba Fett si lamenteranno del fatto che Vesper è troppo lento e troppo silenzioso.È una lamentela legittima per le persone che hanno detto la stessa cosa su Annihilation, o lo Stalker simile di Andrei Tarkovsky prima di esso, o qualsiasi altro pezzo di fantascienza che sia più cerebrale che fisico.Ma per il tipo di fan della fantascienza che amava Moon o After Yang di Kogonada, Vesper è un ricco piacere: una storia abbastanza familiare, ma raccontata con mille note di grazia inquietanti, vibranti e striscianti.

Vesprosarà nelle sale e in VOD il 30 settembre.

Tutte le categorie: Recensioni