Sitemap

Navigazione veloce

Bisogno di sapere

Che cos'è?Un'avventura narrativa sui vampiri.
Aspettati di pagare $ 50/£ 35
Data di uscita 19 maggio 2022
Sviluppatore Big Bad Wolf Interactive
Editore Nacon
Recensito su AMD Ryzen 5 3600, Nvidia RTX 2080 Super, 32 GB RAM
Multigiocatore?No
Link Sito ufficiale

L'eredità virtuale di Vampire: The Masquerade è a dir poco irregolare, ma il gioco di ruolo da tavolo ha ispirato uno dei videogiochi meglio scritti di tutti i tempi. Vampire: The Masquerade – Bloodlines del 2004 era un ritratto sensuale, divertente e deliziosamente contorto del ventre non morto di Los Angeles, pieno fino a scoppiare di personaggi strani e meravigliosi.Motociclisti schiamazzanti, hostess squilibrati di nightclub, conduttori radiofonici fumanti a tarda notte e persino esperti assassini di protesi.Potrebbe essere stato più bugiardo di un cadavere in decomposizione, ma eccelleva nel far sembrare i vampiri sexy, spaventosi e, soprattutto, strani.

Vampire: The Masquerade: Swansong fa l'esatto contrario.La sua cabala di sanguisughe pugnalate alle spalle è dolorosamente noiosa, spesso stupida ed esibisce tutto il carisma di un Nosferatu che vive in un bidone.Il gioco di ruolo narrativo di Big Bad Wolf ha grandi ambizioni e punti di potenziale, ma tutto crolla in un pasticcio di idee semicotte e una sceneggiatura risucchiata dalla personalità.

(Credito immagine: Nacon)

Ambientando la sua storia di vampiri a Boston, Swansong ti vede interpretare tre diversi vampiri, tutti membri di alto rango della Camarilla (una sorta di incrocio tra un organo di governo e la mafia). Emem è un vampiro politicamente ambizioso che lotta con l'autorità, mentre Galeb è un soave e leale scagnozzo della Camarilla.Infine, c'è Leysha, che si è recentemente svegliata da tre anni di ibernazione a causa della malattia mentale debilitante che affligge comunemente il suo clan Malkavian.

La decisione di concentrarsi su un trio di personaggi crea un'apertura confusa.Swansong offre una rapida panoramica delle tre prospettive, introducendo contemporaneamente il resto della corte della Camarilla e delineando gli eventi fuori dallo schermo che danno il via alla trama.A poco a poco, diventa chiaro che un gruppo organizzato dalla Camarilla per suggellare un'alleanza con un gruppo locale di taumaturghi (stregoni vampiri) è stato attaccato da ignoti e il capo della Camarilla di Boston, Hazel Iversen, invia il trio in missioni separate per indagare sulla debacle.

Strutturalmente, il parente vivente più prossimo di Swansong è Life is Strange, che combina elaborate sequenze di dialogo con l'esplorazione in terza persona e la risoluzione di enigmi.I sistemi alla base di entrambi sono più coinvolti di Life is Strange, in modi di cui parlerò più avanti.Ma alla fine niente di tutto ciò ha importanza perché l'elemento più cruciale nel design di Swansong, la scrittura, è devastantemente insipido.

(Credito immagine: Nacon)

Per cominciare, la sceneggiatura è quasi del tutto priva di umorismo.Quasi tutti i personaggi sono ronzamente seri, offrendo esposizione in cucchiai densi e insapore come l'olio di fegato di merluzzo.Questo non vuol dire che tutti dovrebbero scherzare come se fossero in un film Marvel, ma rispetto allo spettacolo pirotecnico di una sceneggiatura di Bloodlines, il dialogo di Swansong è più piatto di un riccio su un'autostrada.

La scrittura poco brillante mina il resto del gioco.

Il problema più grande, tuttavia, è quanto sia muta la personalità di ogni personaggio.Galeb è un agente vampiro 47, con un personaggio che va poco più in profondità della sua tuta.In effetti, 47 è probabilmente il più espressivo dei due, dato che almeno farà lo strano gioco di parole mentre sta facendo la garrotta con un ghoul del fondo fiduciario.La vena ribelle di Emem, nel frattempo, si manifesta principalmente in lamenti petulanti con cui è difficile entrare in empatia con lei.Leysha è il personaggio più forte, con il suo comportamento educato e leggermente ansioso che maschera una profonda instabilità psicologica.Sfortunatamente, è accompagnata da un bambino vampiro profondamente irritante chiamato Halsey, e il suo arco narrativo ruota principalmente attorno al suo affetto per il fastidioso goblin che lei chiama "zanne di zucchero".

La scrittura poco brillante mina il resto del gioco, il che è un peccato, poiché c'è una certa ambizione in mostra.Le scelte narrative sono ampie e influiscono sinceramente sulla traiettoria della trama.In un primo esempio, Emem si dirige alla base degli stregoni per tentare una riconciliazione, ma finisce sballottato nella loro prigione sotterranea.Alla fine riesce a scappare e può dirigersi direttamente verso uno scontro con il leader dello stregone.Ma una piccola esplorazione rivela un nuovo personaggio e un risultato potenzialmente molto diverso sia per la scena che per l'intera storia.

(Credito immagine: Nacon)

Ci sono anche alcune idee decenti esplorate nella storia stessa.Il mistero centrale che circonda chi c'è dietro l'attacco è intrigante, mentre i conflitti tra i personaggi producono un dramma stimolante.Il più forte di questi è il rapporto tossico di Leysha con il suo terapeuta vampiro.Il concetto di terapeuta vampiro è probabilmente il più vicino a una battuta che Swansong ottiene, ma il suo comportamento inquietante e prepotente nei confronti di Leysha prevale sull'assurdità intrinseca nell'idea e la loro trama offre i migliori colpi di scena nel gioco.

Sdentato

Purtroppo, questi sono punti salienti isolati, tartine sparse in un buffet di idee altrimenti tiepido.Al di fuori della scrittura, il problema più grande di Swansong è che abitare i suoi vampiri non è molto divertente.Ogni personaggio ha un elaborato albero delle abilità che copre il dialogo, le abilità ambientali come la deduzione e il lockpicking e i poteri dei vampiri specifici del clan.L'intento è quello di farti personalizzare ogni personaggio in modi altamente specifici.Ma gli XP necessari per potenziare queste abilità sono legati alle tue prestazioni in ogni scena.Dato che ogni personaggio ha solo una manciata nelle 15 ore di gioco, ciò significa che una scena mal gestita può ostacolare gravemente la progressione di quel personaggio.Immagina se ogni cattiva scelta in The Walking Dead di Telltale rendesse la prossima più difficile da correggere e tu avessi un'idea del problema che può svilupparsi in Swansong.

(Credito immagine: Nacon)

Sebbene questo problema possa essere evitato con buona fortuna, un difetto più difficile è quanto siano banali alcune sequenze di dialogo del gioco.Gli scambi chiave in Swansong sono noti come confronti, in cui devi sconfiggere verbalmente il tuo avversario in una lunga discussione con più fasi.Ma invece di salvare questo sistema per i ritmi più significativi della storia, Swansong lo applica spesso a banali combattimenti di amici.Uno "scontro" vede Galeb, un vampiro secolare il cui intero clan usa le persone come marionette, lottando per convincere un addetto al parcheggio ad aprire dei contenitori della spazzatura chiusi elettronicamente.Detto parcheggiatore è certamente un vampiro "a sangue sottile", ma non è certo una premessa elettrizzante per una battaglia di volontà.

Immagina se ogni cattiva scelta in The Walking Dead di Telltale rendesse la prossima più difficile da ottenere.

Anche la qualità complessiva di ogni scena varia in modo significativo.Quando non sta urlando alle persone in un parcheggio, i capitoli di Galeb sono di gran lunga i migliori del gioco.Il primo lo vede trascinarsi in un sontuoso attico, nel tentativo di risolvere l'omicidio di un uomo d'affari decapitato.È un puzzle investigativo ben costruito con un'intelligente svolta finale.Il secondo ricorda (abbastanza opportunamente) il livello di Hokkaido di Hitman, con Galeb che esplora una grande struttura sotterranea dove ci sono molteplici soluzioni al puzzle che ti viene presentato.

Non tutti i capitoli sono così gratificanti.Le due scene principali di Emem sono anche le più deboli.Il dungeon degli stregoni sembra fantastico, ma l'azione è principalmente incentrata su alcune piattaforme implementate in modo strano e un fastidioso puzzle di abbinamento di schemi.Il suo secondo atto ti vede curiosare in uno squallido backlot cercando di convincere alcuni vampiri motociclisti a unirsi al tuo equipaggio.C'è un discreto puzzle a tema hacking all'interno di questo, ma non sono sicuro che gli enigmi di hacking siano ciò per cui i giocatori si riverseranno su Swansong.

(Credito immagine: Nacon)

In effetti, potresti aver notato a questo punto che Swansong non è molto... vampiro.Occasionalmente puoi nutrirti di umani per aumentare una delle tue barre delle abilità, ma il modo in cui questo è implementato negli spazi limitati del gioco fa sembrare la meccanica un piede di porco.Inoltre, le tue abilità vampiriche spesso giocano in secondo piano rispetto a enigmi a tema su telefoni, laptop e altre apparecchiature elettroniche.Ci sono anche alcuni enigmi davvero bizzarri che sembrano essere stati eliminati dai giochi di avventura della metà degli anni Novanta.

Sfogarsi

Il peggior esempio di questi appare nel secondo capitolo di Leysha, dove ha bisogno di scappare dal seminterrato di un bar di vampiri infestato da mercenari pesantemente armati.Vale la pena notare che le abilità malkaviane di Leysha le permettono di diventare invisibile e imitare l'aspetto di altre persone, il che significa che è più che equipaggiata per la furtività e i sotterfugi.Ma invece di costruire vie di fuga attorno a queste abilità, Swansong trova una scusa per annullare questi poteri, quindi escogita il più stupido enigma dai baffi a pelo di gatto di Gabriel Knight 3.

Sei pronto per questo?È uno schifo.La guardia che ti blocca la strada si trova sotto un tubo che emette vapore bollente.Nonostante abbia ripetutamente ustionato il suo grosso corpo calvo, la guardia si rifiuta di muoversi dalla porta, ma si rifiuta anche di indossare l'elmo balistico che tutti i mercenari hanno rilasciato, mettendolo invece da parte su alcune casse.Per fuggire dall'area, devi trovare un modo per aumentare la pressione del vapore fino a quando non gli ferisce la testa come un uovo e lo uccide.Tieni presente che questo è un gioco di ruolo di vampiri molto serio e non un gioco Monkey Island rifiutato.

Almeno Swansong sembra carino.Qualche volta.Aree come il bar Red Salon consentono ai progettisti dell'ambiente di divertirsi un po', anche se gran parte del gioco si svolge in appartamenti anonimi per ricchi o interni in cemento grigio come fogne o sistemi di ventilazione.Inoltre, a parte un paio di panorami sullo skyline, Swansong non fa molto per rappresentare Boston come un luogo.Non hai un'idea della storia e dell'architettura uniche della città come, ad esempio, in Fallout 4.Potrebbe essere ambientato a New York o Los Angeles e non ci penseresti molto.

Alla fine, Swansong non sembra sapere che tipo di gioco vuole essere.È variamente un simulatore parlante, un gioco poliziesco, un rompicapo di avventura in stile classico e un sandbox di Hitman dietetico.C'è anche una sezione stealth a fine partita che è completamente distaccata meccanicamente dal resto dell'esperienza.Dato che le sezioni stealth introdotte bruscamente nei giochi non stealth vanno, non è terribile.Ma lo scambierei volentieri e molto altro con una storia spogliata in stile Telltale che anticipasse le scelte narrative di Swansong, o un gioco poliziesco soprannaturale dedicato.O semplicemente un gioco che non faceva sentire l'essere un vampiro come un lavoro ingrato.Tra questo e il scomparso Bloodlines 2, il periodo d'oro di Vampire: The Masquerade sembra più distante che mai.

Tutte le categorie: Recensioni