Sitemap

Navigazione veloce

Polygon è sul campo al Fantastic Fest del 2022, per raccontare nuovi film horror, fantascientifici, cult e d'azione in arrivo nei cinema e in streaming.Questa recensione è stata pubblicata in concomitanza con la premiere del film Fantastic Fest.

La scena del film dell'anno 2021 - quella che ha dominato i discorsi di critica e cinefili durante la stagione dei premi - è stata tratta da Pig di Michael Sarnoski, un thriller delirante, violento ma tranquillo sull'ex chef di Nicolas Cage che insegue il suo maialino al tartufo rubato.A un certo punto, il personaggio di Cage, Rob, uno chef in pensione diventato recluso nei boschi, si siede in un lussuoso ristorante di alta cucina e convoca lo chef, un suo ex dipendente.Senza alzare la voce, Rob fa a pezzi l'uomo per aver rinunciato ai suoi sogni di possedere un pub intimo e confortevole. "Ogni giorno, ti svegli e ci sarai meno di te"Rob dice allo chef, che sembra sventrato, ma non come se non fosse d'accordo. “Vivi la tua vita per loro e loro non ti vedono nemmeno. Non ti vedi nemmeno.

Il thriller comico nero e sanguinario di Mark Mylod The Menu si presenta come un sequel di quella scena, se lo sfortunato chef di fascia alta avesse deciso di trasformare la rivelazione di Rob verso l'esterno contro la sua clientela invece che verso l'interno.Il menu prende in giro il tipo di persone che mangerebbero in quel ristorante che lo chef Rob disprezza, con le sue "capesante emulsionate" e la "schiuma di mirtilli foraggiati, bagnata dal fumo delle pigne di Douglas".Ma trova anche un po' di umanità in loro.Una delle cose più intriganti del film è il modo in cui i realizzatori trovano spazio per infilzare ogni bersaglio in vista.

Anya Taylor-Joy interpreta Margot, un appuntamento dell'ultimo minuto per il ricco ossessivo buongustaio Tyler (Nicholas Hoult), che si è assicurato un posto a sedere in un ristorante esclusivo su un'isola privata, guidato dal famoso chef Slowik (Ralph Fiennes). A Margot non importa del tipo di cibo che consiste in poche macchie di salsa distanziate ad arte su un piatto, pubblicizzato come un "piatto di pane senza pane" sfacciato.Ma Tyler è ossessionato dal lavoro dello chef Slowik e dalla possibilità di guadagnare la sua attenzione e il suo interesse.Sono una strana coppia fin dall'inizio, con una strana tensione tra di loro che suggerisce segreti in attesa di essere svelati.

Immagine: immagini del proiettore

Non sono gli unici ad avere dei segreti.Gli altri commensali di questa particolare serata includono una critica gastronomica compiaciuta (Janet McTeer) e il suo adulatore editore (Paul Adelstein), una star del cinema minore (John Leguizamo) e la sua assistente (Aimee Carrero), un trio di chiassosi ciarlieri della tecnologia che iniziano il notte libera vantandosi di aver speso fraudolentemente la cena e una coppia di anziani che sente di poter riconoscere Margot.Poi c'è lo chef Slowik, che ha programmato per la serata un pericoloso “menù” pensato per portare alla luce i segreti.

Fino a che punto lo chef Slowik è disposto a spingersi e cosa sta succedendo a Margot, costituiscono la maggior parte delle complicazioni in The Menu.Altrimenti, potrebbe semplicemente svolgersi come un thriller di vendetta abbastanza cupo e familiare, rivolto ad alcuni facili bersagli: persone ricche, autorizzate, maleducate e soddisfatte di sé.Se non ci fosse altro sotto la superficie, The Menu rischierebbe di imbattersi in una versione stravagante di uno di quegli slasher per adolescenti che riguarda più il guardare i giovani simbolicamente odiosi e superficiali che vengono falciati da un assassino.

Invece, la sceneggiatura di Seth Reiss e Will Tracy distribuisce le rivelazioni con un attento senso di ritmo e di escalation, mantenendo un equilibrio di simpatie tra vittime e mente.Chiaramente non si aspettano che il pubblico si butti completamente con le persone che pagano $ 1.250 a testa per una cena minimalista, principalmente per vantarsi dell'esperienza.Non lasciano nemmeno le loro vittime come codici.Margot è naturalmente al centro della scena e Taylor-Joy le dà un'energia feroce e fragile "Sono totalmente al di sopra di queste sciocchezze" che la rende una protagonista avvincente.Hoult offre una performance altrettanto forte come un uomo costretto a fare i conti con le proprie pretese in un modo particolarmente doloroso.Ma ogni personaggio a sua volta ottiene un po' di tempo sul palcoscenico, inclusa l'assistente dedicata dello chef Slowik, Elsa (Hong Chau, fresca di The Whale, ma soprattutto memorabile come il cattivo della serie Watchmen del 2019).

E lo stesso Fiennes è una risorsa considerevole, come al solito.Dirige l'azione nel suo ristorante come un leader di una setta, assume una faccia calda e benevola quando si adatta alla storia, quindi porta una forma spietata di fredda psicopatia sul tavolo per altre scene.Cercare di indovinare cosa c'è sotto la sua superficie è una delle sfide più grandi del film e una delle sue più grandi gioie, soprattutto perché è stato sceneggiato e interpretato come un cattivo con alcune rughe comprensive, un uomo che corteggia l'empatia ed evoca l'orrore allo stesso tempo.

Immagine: immagini del proiettore

Il menu spesso si legge come una versione espansiva di un'opera teatrale a set singolo, in cui un gruppo di persone costrette a stare nelle immediate vicinanze si spezza gradualmente sotto pressione e rivela nuove cose su se stesso.Molto di ciò che lo fa andare avanti non è quell'energia scenica, ma la messa in scena stessa. lo scenografo Ethan Tobman è stato ispirato da tutto, dal devastante film di Luis Buñuel del 1962 L'angelo sterminatore (un altro film sulle élite compiaciute che non possono sfuggire l'una all'altra) all'architettura espressionista tedesca.Lui e il direttore della fotografia Peter Deming conferiscono al film una freddezza aspra e punitiva che enfatizza sia la mancanza di comfort o calore nell'alta cucina sia lo stato d'animo dello chef Slowik.È un film adeguatamente sontuoso e sensato, con qualcosa di sorprendente da guardare in ogni fotogramma.

Tuttavia, il menu non sempre torna.C'è una strana riluttanza a impegnarsi nel potenziale di Grand Guignol del film, probabilmente per il desiderio di mantenere il cast in giro per l'atto finale.C'è una disconnessione tra l'odio dello chef Slowik per i suoi ospiti e il livello dei loro crimini comparativi, alcuni dei quali sono molto più personali e significativi di altri.Il disprezzo del film per l'arroganza e il diritto è semplice e soddisfacente, ma quando altri motivi iniziano a guidare la storia, come la gelosia di Elsa per Margot o la rabbia dello chef Slowik per non aver ricordato ciascuno dei suoi piatti, la storia della vendetta si indurisce un po'.

Tuttavia, la volontà di Reiss e Tracy di coinvolgere lo chef Slowik insieme al suo piano vanitoso e ossessionato dalla superficie dà a The Menu un intrigo sorprendente.Come il pretenzioso chef Nicolas Cage chiama in Pig, Slowik ha progettato la propria rovina e il proprio tormento, e The Menu non lo lascia fuori dai guai recitando come un semplice racconto morale da mangiare i ricchi.L'umorismo in questo film è per lo più sottile (in particolare nei titoli esilaranti e ironici che appaiono sullo schermo), ma alla fine è tanto una commedia quanto un thriller horror.C'è una tensione pungente mentre gli spettatori aspettano di vedere come andrà a finire, ma Mylod e gli sceneggiatori suggeriscono anche che vale la pena ridacchiare un po' a tutte le persone coinvolte, sia che stiano servendo versioni fantasiose di caos o semplicemente pagando attraverso il naso per questo.

Il menudebutterà nelle sale il 18 novembre.

Tutte le categorie: Recensioni