Sitemap

Navigazione veloce

Per qualsiasi critica tu possa sollevare sul franchise di Monkey Island, devi ammirare il suo totale rifiuto di morire.

L'uscita odierna di Return to Monkey Island segna 13 anni dall'ultimo gioco, Telltale's Tales of Monkey Island, un'avventura a episodi del 2009.Quella pausa è stata preceduta da una pausa di nove anni che ha seguito Curse of Monkey Island, che è stato l'ultimo gioco di avventura LucasArts.Ho già detto che c'è stato un intervallo di sei anni prima?

Return to Monkey Island segna il ritorno di due dei tre creatori della serie originale (Ron Gilbert e Dave Grossman sono tornati, Tim Schafer di DoubleFine no). Quindi forse non sorprende che l'ultima avventura di Guybrush Threepwood, il potente pirata, sia più ossessionato dalla sua stessa eredità.

Sebbene il gioco riprenda dopo gli eventi dell'ultima voce di Gilbert, Monkey Island 2, Return non tenta di spazzare via i giochi non Gilbert dal canone.Decide semplicemente di raccogliere una domanda senza risposta sospesa nella storia della serie.Vale a dire: "Qual era in realtà il segreto di Monkey Island?"Nonostante fosse il titolo del primo gioco, il segreto del titolo non è mai stato effettivamente rivelato.

Immagine: terribile scatola dei giocattoli/devolver digitale

Quindi Return segue Guybrush mentre si lancia in una corsa con la sua nemesi costante, il pirata fantasma LeChuck, per scoprire il segreto con l'assistenza dell'ex-governatrice diventata attivista dello scorbuto Elaine Marley, che è anche la moglie di Guybrush.Durante il viaggio, ci sono molte divertenti meta battute su quanto tempo è passato dall'ultimo gioco di Monkey Island.Molti nella casa di Guybrush di Melee Island non sembrano ricordarlo così bene e Threepwood fa commenti su un numero sospetto di ristrutturazioni in città.

Eppure, sebbene Return to Monkey Island sia consapevole di come possa essere una reliquia a volte, non sembra molto interessato all'evoluzione.

Naturalmente, ci sono stati degli aggiornamenti chiari.La grafica poligonale decisamente brutta di Escape e Tales of Monkey Island è stata sostituita con una sorta di estetica di Henry Selick, come una mappa vivente popolata da bambole di carta incernierate.Il look polarizzerà senza dubbio gli aderenti di lunga data ai giochi (il primo in tutto il fandom della cultura pop, ne sono sicuro), ma è sicuramente meno datato rispetto ai modelli 3D impiegati per ogni altro gioco di Monkey Island uscito in questo millennio.

Un modo notevole in cui l'avventura è stata semplificata: non devi più selezionare come interagire con gli oggetti nel mondo.Invece, questo è stabilito attraverso il contesto.Un clic sinistro potrebbe continuare una conversazione con un amico, guardare un dipinto o semplicemente andare in un punto diverso della stanza.Se puoi parlare con il suddetto amico o rubare il suo portafoglio, potresti avere la possibilità di fare clic con il pulsante destro del mouse, ma due opzioni sono il più possibile estese.Crea un'esperienza più avvincente in cui l'interfaccia utente è davvero al servizio della storia piuttosto che essere al centro della scena, come è molto più comune nel genere.È un gradito perfezionamento, anche se mi manca costringere Guybrush a descrivere come suona una lampada o spiegare perché non può parlare con un albero.

Immagine: terribile scatola dei giocattoli/devolver digitale

Avrei apprezzato un simile miglioramento per andare in giro per il mondo.Guardare Guybrush passeggiare dopo che il tuo cursore cliccando furiosamente da uno schermo all'altro non è stato particolarmente piacevole in The Secret of Monkey Island, e non è meno un lavoro ingrato circa 32 anni dopo.

Fortunatamente, le altre parti del lignaggio della serie che Return to Monkey Island ha mantenuto sono molto più benvenute.

Questa è sempre la stessa gita calorosa e stridentemente sdolcinata attraverso i Caraibi in cui Monkey Island ha sempre scambiato.Solidarietà come Stan, il venditore di navi usate e scivolose, e Otis, il ladro spesso incarcerato, aiutano Guybrush nel suo viaggio, e i combattimenti con la spada sono condotti attraverso insulti (sia una risposta letterale che metaforica). È la stessa Monkey Island avuncolare e desiderosa di compiacere che hai sempre conosciuto.

Le soluzioni di puzzle sono stravaganti come non lo sono mai state: non puoi prendere in prestito la scopa dello chef, devi ovviamente intraprendere una ricerca spirituale per scoprire il leggendario albero di legno della scopa.Forse le scuse che hai scritto sulla rana non erano abbastanza personali?C'è una modalità casual con meno enigmi, ma sembra più un compendio che un'evoluzione.Se rimani bloccato, non è necessario chiamare il numero LucasArts 900.Invece, troverai un libro di suggerimenti integrato che ti spinge nella giusta direzione.

L'umorismo di Return, forse l'aspetto più fondamentale della serie, non si impegna tanto quanto alcuni sforzi più rabbrividire nel genere dell'avventura comica.Ci sono pochissimi riferimenti alla cultura pop o gag visive esagerate (sto guardando te, Starbuccaneers). Sembra soddisfatto di oscillare tra "leggermente divertente" e "che induce a sorridere" sul Chuckle-O-Meter.Il gioco è saldamente in possesso del rifiuto a regola d'arte dei suoi predecessori di lasciare qualsiasi gag non battuta, che non è necessariamente la mia borsa.Detto questo, ho avuto qualche risata profonda per alcune delle gag più astratte che erano più vicine ai miei gusti.

Immagine: terribile scatola dei giocattoli/devolver digitale

Anche se è senza dubbio affascinante leggere ciò che un uomo adulto fa e non trova divertente, devo smettere di fare una menzione speciale dei compositori di ritorno Michael Land, Peter McConnell e Clint Bajakian, che continuano la colonna sonora "pirate reggae" del franchise in un in modo che sembrerà una comoda coperta per i nerd dell'avventura degli anni '90.Idem per il cast vocale di ritorno, tra cui l'implacabile Elaine di Alexandra Boyd e l'affabile e sempre sfortunato Guybrush di Dominic Armato.

Tutto si fonde in un'esperienza nostalgica nel migliore dei modi.Ritorno a Monkey Island ha genuinamente riconquistato la gioia che la serie mi ha regalato in gioventù, piuttosto che darmi una gomitata nelle costole e ricordarmi tutto il divertimento che ci divertivamo un tempo.

Curiosamente, ma piacevolmente, per una serie con questa storia lunga e irregolare, Return to Monkey Island non sembra essere particolarmente interessato a riaffermare il proprio significato o grandezza.Sembra contento di vedere come gli altri nel mondo, in particolare il giocatore, contestualizzino la sua esistenza.Non richiede ai giocatori di avere una conoscenza precedente della serie, ma non spiega eccessivamente i suoi personaggi o battute.

Return to Monkey Island è l'ennesimo gioco del franchise di Monkey Island che fa solo un piccolo sforzo per riflettere il panorama di gioco in continua evoluzione, mentre si aggrappa con sicurezza al DNA che lo ha reso così amato in primo luogo.E se stai cercando il segreto per creare un franchise duraturo, potresti fare molto di peggio.

Ritorno a Monkey Islandè stato rilasciato il 19 settembre su PC Windows, Mac e Nintendo Switch.Il gioco è stato recensito su PC utilizzando un codice di download pre-release fornito da Devolver Digital.Vox Media ha partnership di affiliazione.Questi non influenzano il contenuto editoriale, sebbene Vox Media possa guadagnare commissioni per i prodotti acquistati tramite link di affiliazione.Potete trovareulteriori informazioni sulla politica etica di Polygon qui.

Tutte le categorie: Recensioni