Sitemap

Navigazione veloce

A prima vista, Lyle, Lyle, Crocodile sembra un altro adattamento esagerato di un amato libro per bambini.Ha un rendering in CG più "realistico" ma comunque da cartone animato di un personaggio classico (come Peter Rabbit o Clifford the Big Red Dog); un'ambientazione in un libro di fiabe - vale a dire, dall'aspetto vagamente canadese - New York City (anche come Clifford); e il cast vocale di celebrità (con Shawn Mendes nei panni di Lyle!).

Il resto del cast, tuttavia, è un po' più eclettico e di fascia alta del solito.I genitori del suo giovane eroe umano sono interpretati da Constance Wu, che ha avuto due recenti successi con Hustlers e Crazy Rich Asians, e il meraviglioso attore caratterista Scoot McNairy.Inoltre, Lyle ha un ruolo da protagonista per il quattro volte candidato all'Oscar (e vincitore di una volta) Javier Bardem.E il personaggio richiede che la stella minacciosa di No Country for Old Men e Skyfall indossi bretelle, lancia fumogeni colorati e si esercita con le scarpe morbide con un coccodrillo in CG.Cosa sta succedendo qui?

Non è così insolito per una star importante registrare il tempo in un film per bambini, specialmente quando hanno figli più piccoli, come fa Bardem.Del resto, il ruolo di Hector P.Valenti, un gregario aspirante "star del palcoscenico e dello schermo" secondo il suo biglietto da visita, che scopre il coccodrillo che canta e non parla Lyle in un negozio di animali fatiscente, condivide un terreno comune con la recente svolta di Bardem nei panni dell'affascinante ma scaltra Desi Arnaz nell'essere i Ricardo.Entrambi i personaggi sono intrattenitori nati, ugualmente capaci di ispirare fiducia e sospetto.In circostanze normali, l'apparizione di Bardem qui avrebbe probabilmente un senso.Ma questa versione di Lyle, Lyle, Crocodile non è una circostanza normale.

Foto: Fernando Decillis/Sony Pictures

In un certo senso, questa è una buona cosa.Il film non perverte la serie di libri illustrati di Bernard Waber sul Lyle che abita in un appartamento; non ci sono molti tentativi trasparenti di ingraziarsi i bambini contemporanei.Lyle non si tampona né entra in Fortnite; la sua mancanza di dialogo è una benedizione.Anche gli elementi più moderni del film - la presenza del cantante superstar Mendes, che canticchia una serie di brani pop sciropposi curati dai cantautori del giorno Benj Pasek e Justin Paul (Dear Evan Hansen, The Greatest Showman) - parlano del desiderio di creare qualcosa che assomigli a un musical all'antica. (Ci sono circa cinque numeri musicali, e probabilmente avrebbero dovuto essercene di più.) Il film è una storia sincera sul giovane Josh (Winslow Fegley) tormentato dall'ansia che si adatta alla vita in una nuova città con l'aiuto del suo nuovo amico Lyle, che soffre di paura del palcoscenico.

Eppure Lyle, Lyle, Crocodile sono sorprendentemente confusi per un film sulle buffonate dolci di un bambino e di un coccodrillo che canta.Al centro di quella confusione c'è Bardem, che interpreta un personaggio importato direttamente dai libri.Il film inizia con quello che è essenzialmente un remake del classico cortometraggio dei Looney Tunes "One Froggy Evening", interpretato solo per il pathos invece che per le risate.Valenti viene visto per la prima volta mentre si fa strada in un'audizione per uno spettacolo che lo ha già rifiutato.Ovviamente è alla disperata ricerca di una sorta di successo nel mondo dello spettacolo, quindi quando scopre Lyle, vede un biglietto per il grande momento.Addestra il giovane coccodrillo in un elaborato numero di canti e balli, che Bardem e il simpatico Lyle si esibiscono con grande entusiasmo, e affitta un teatro per esibirsi per il pubblico.Lyle si innervosisce e tace, proprio come quella esasperante rana dei cartoni animati, portando alla rovina finanziaria di Valenti.Quindi si mette in viaggio per guadagnare un po' di soldi (facendo chissà cosa) e tirarsi fuori dai suoi debiti, lasciando Lyle in un appartamento di Manhattan per essere scoperto da Josh e dalla sua famiglia.

Foto: Sarah Shatz/Sony Pictures

Ma quando Valenti torna per reclamare il suo coccodrillo, il film diventa stranamente oscuro.Questo personaggio è un sognatore stravagante?I suoi abiti stravaganti e l'accettazione immediata di un coccodrillo che canta ma non parla lo suggeriscono.Eppure è anche inquadrato come un imbroglione e un ciarlatano, sperando di sfruttare Lyle per fama e fortuna.A un certo punto del film, sembra che abbia venduto Lyle e lo abbia denunciato al controllo degli animali, per un presunto vantaggio che non si concretizza mai e in realtà sembra del tutto in contrasto con ciò che vuole per il resto del film.Più tardi, dopo essersi riscattato, fa anche riferimento all'essere il manager di Lyle, nonostante sembri un ragazzo che brama il palco, non dietro le quinte che gira e fa affari. (Pensavo che la mia confusione potesse essere stata la nebbia del cervello di un vecchio, ma un consulente di 6 anni che ha visto il film con me ha confermato che le motivazioni di Valenti avevano poco senso.) È solo un agente del caos?Quest'uomo è davvero malato?

Bardem fa del suo meglio per tirare con i pugni, forse sperando che se mantiene le cose in movimento abbastanza a lungo, se lancia abbastanza fumogeni e balla con abbastanza zelo, scoprirà un vero arco del personaggio, anche se è sciocco.Invece, la sua performance sincera ma dispersa è emblematica dell'intero film.Lyle, Lyle, Crocodile si sente come se fosse stato riscritto e rielaborato in modo incoerente; è un film che non riesce mai a gestire i problemi che i suoi umani dovrebbero risolvere e prende vita principalmente quando i suoi personaggi cantano e ballano.Ci vuole l'ammirevole volontà di Javier Bardem di andare in giro in cilindro dopo una carriera piena di ruoli più pesanti, e la trasforma in un WTF inutilmente contorto.

Tutte le categorie: Altri