Sitemap

I mostri cinematografici conosciuti come Predators sono stati contrapposti ai famosi xenomorfi del franchise di Alien in una serie di fumetti, videogiochi e film, ma secondo le metriche cinematografiche più comuni, non c'è molto concorso.Anche se non è sempre stata una miniera d'oro al botteghino, ogni regista di un film di Alien (a parte la serie secondaria Alien vs. Predator) è stato successivamente nominato per almeno un Academy Award.Ciò contribuisce alla sensazione che, per quanto irregolare possa essere, il franchise di Alien è una destinazione privilegiata per la paternità dell'horror fantascientifico.Dopotutto, qualsiasi regista che affronta un film di Alien si mette al fianco di Ridley Scott, James Cameron, David Fincher e Jean-Pierre Jeunet.

La serie Predator non ha tale prestigio.Sembra essere considerato una specie di gioco, uno di quei franchise immortali che ancora inseguono la gloria dell'originale classico.L'ultimo film, Prey, è ora su Hulu; come molti altri film di Predator degli ultimi giorni, le sue recensioni suggeriscono che forse questa volta l'hanno effettivamente fatto.Forse questa volta hanno realizzato un utile sequel di Predator.

Ma se ti dicessi che, come per la serie Alien, vale la pena guardare ogni film di Predator?E, inoltre, che vale la pena guardare questi film per le stesse ragioni dei loro lontani cugini Alien: perché ognuno mostra lo stile, le abilità e le preoccupazioni del suo regista.Anche se potresti vedere cinicamente la maggior parte di questi film come tentativi falliti di riaccendere un franchise in stallo, la mancanza di sequel normali nel ciclo di Predator rende i film più divertenti; ognuno ricomincia da capo e offre a un regista diverso la possibilità di giocare con il concetto di una razza aliena di 8 piedi il cui intero ciclo di vita è apparentemente dedicato alla caccia di altre specie per sport.

I film di Predator non sono di mente alta; inoltre non sono gravati dalla quasi perfezione dell'ingresso anticipato come le serie Alien, Terminator o RoboCop.Nel loro modo modesto e a bassa posta in gioco, sono diventati un modello di come dovrebbe essere un franchise affidabile ma vario, ed è un sollievo che questo residuo della 20th Century Fox come fornitore di fantascienza e horror R-rated sopravviva nella sua minacciosa acquisizione da parte della Disney content-farming.Ecco una guida alle cose buone in (quasi) ogni voce, quasi tutte attualmente disponibili su Hulu.


Predatore (1987)

Immagine: 20th Century Fox

Il regista John McTiernan ha dato il via a una serie ridicola di successi con il Predator originale, che ha seguito con Die Hard e The Hunt for Red October.Questi tre film mostrano una notevole versatilità nei film d'azione tra di loro e questa versatilità è in mostra anche all'interno di Predator stesso.Si trasforma da controverso film su ragazzi in missione a dinamiche stalker/slasher fino a un'ultima vetrina per la star Arnold Schwarzenegger, che ha anche realizzato diversi classici sulla scia di questo film, tra cui Total Recall e Terminator 2.

Il fascino del machismo di secondo livello della prima sezione è sia parte del motivo per cui il film è rimasto nell'immaginario popolare, sia perché è l'unico Predator che rischia di diventare del tutto sopravvalutato.Il vero succo arriva negli ultimi 40 minuti del film, la sezione dei dialoghi in cui l'olandese di Arnold inizia a diventare aggressivo nei confronti della sua nemesi aliena.Non tutti i film di McTiernan coinvolgono un eroe solitario che si fa strada attraverso difficoltà impossibili, ma sembra sicuramente la struttura che meglio si adatta alla sua azione pulita e al controllo degli artisti fisici.

Predator è disponibile per la visione su Hulu.

Predatore 2 (1990)

Immagine: 20th Century Fox

Certo, è difficile tirare fuori molte chiare preoccupazioni tematiche dai film dell'operaio Stephen Hopkins.A causa del tempismo e dello stile del suo picco di carriera, è abbastanza facile confonderlo con l'operaio Renny Harlin: entrambi hanno persino lavorato ai successivi sequel di Nightmare on Elm Street alla fine degli anni '80.Ma il fatto è che "l'operaio d'azione in studio dei primi anni '90" ha una sua paternità collettiva, un'eleganza influenzata da MTV che ora sembra quasi classica per la sua relativa chiarezza e coerenza.Sarebbe difficile dire che Predator 2 è come sarebbe se Tony Scott dirigesse un film di Predator; d'altra parte, Predator 2 è molto più divertente dei film che Scott stava girando in questo periodo.

Ambientato nell'allora futuristica Los Angeles del 1997, è pieno di luci stroboscopiche, filtri blu, vicoli disseminati di immondizia e sudore; alcune delle uccisioni sono così stilizzate che atterrano da qualche parte tra i pannelli splash dei fumetti e l'arte astratta.La rappresentazione del film di bande in guerra, inclusa un'enclave a tema Voodoo, è tutt'altro che culturalmente sensibile; poi di nuovo, in un film in cui praticamente tutti, inclusi Danny Glover, Gary Busey e l'insostituibile Bill Paxton, amplificano forte, è difficile discernere quali personaggi manchino di dignità.C'è anche un senso di unità nella decisione inizialmente inspiegabile del Predator di dare la caccia a poliziotti e membri di gang a Los Angeles come suoi presunti bersagli di alto livello.Forse questo ha un sofisticato senso di potere dell'azione collettiva, riconoscendo che i cittadini di Los Angeles sono tutti uguali di fronte a uno spietato Predator.

Predator 2 è disponibile per la visione su Hulu.

Alieno vs.Predatore (2004)

Immagine: 20th Century Fox

Mentre alcuni semi della nostra attuale ossessione per il franchise sono stati piantati negli anni '90, questo è stato anche un periodo in cui i franchise horror e fantascientifici erano consentiti, anzi, ci si aspettava che rimanessero dormienti quando percepiti come un vicolo cieco creativo e/o finanziario.Il fatto che i Predator siano scomparsi dagli schermi cinematografici all'inizio degli anni '90 solo per riapparire in un film scadente "contro" nei primi anni 2000 è servito a conferire loro lo status di film slasher retroattivo.All'epoca Alien vs.Predator ha suonato come un veloce successore spirituale di Freddy vs.Jason ha dato un seguito a qualsiasi cosa in entrambi i franchise reali che stava unendo.

Eppure, nonostante la sua reputazione a basso canone, Alien vs.Predator è riconoscibilmente guidato dall'autore.È di Paul W.S.Anderson, il maestro dei film di serie B che ha conquistato un pubblico di culto negli ultimi anni per il suo approccio distintivo al materiale di fantascienza, horror e videogiochi, il più famoso della serie Resident Evil.Il suo status di James Cameron più sdolcinato ma più prolifico è consolidato da Alien vs.Predator, che asseconda molte delle firme visive e tematiche di Anderson (illuminazione blu, composizioni geometriche, trama simile a un gioco attraverso un'ambientazione labirintica), così come il suo apprezzamento alla Cameron per un'ultima donna tosta in piedi.Sanaa Lathan ottiene una rara svolta da eroe d'azione come guida turistica artica costretta a fare ciò che nessun altro in questa serie ha fatto, prima o dopo: allearsi con un Predator per sconfiggere un nemico comune.

Sfortunatamente, niente di tutto questo vale per Aliens vs.Predator: Requiem, un sequel del 2007 generato male che fa schifo nonostante includa l'idea potenzialmente fantastica di un Predalien incubato da Predator.È l'unico vero difetto nel disco di entrambe le serie e, fortunatamente, il suo stato "contro" fa sembrare che non appartenga a nessuno dei due.Alieno vs.Predator, tuttavia, è un film di Predator, che fa del suo stato sottotestuale l'alieno di un povero uomo parte del suo stesso concetto e, come molti film di Anderson, è sia intelligente che stupido.

Alieno vs.Predator è disponibile per la visione su Hulu.

Predatori (2010)

Immagine: 20th Century Fox Home Entertainment

Il regista Nimród Antal sembrava fare un passo indietro dalla sua carriera nei film di Hollywood dopo aver girato Predators, dirigendo alcuni episodi TV negli Stati Uniti e un altro film nella sua nativa Ungheria.Ma per alcuni anni stava diventando un esperto fornitore di thriller contenuti che potresti chiamare Tight Spot Cinema.Sebbene Predators sia più ampio dei suoi film Vacancy o Armored in quanto ha un'intera giungla con cui giocare, i personaggi si sentono ancora confinati; sono un gruppo di estranei che si svegliano in caduta libera e vengono lasciati cadere su un pianeta alieno dove, alla fine si rendono conto, due fazioni di Predator gareggeranno per inseguirli e ucciderli.

Il concetto di riserva di gioco aliena è un'intelligente inversione/imitazione del film originale, che Antal ricorda in altri modi che vanno oltre il servizio di fan.Come McTiernan, ha un talento per bloccare e inquadrare il suo gruppo nell'ambiente della giungla, riunirli e dividerli nei momenti cruciali.L'ovvio ma gradito non-sottotesto di questo confronto è che gli umani - tutti assassini di livello professionale di un tipo o dell'altro - sono essi stessi predatori, costretti a fare i conti con la propria umanità per sopravvivere.

Anche la sua goffaggine ha una piacevole energia da film di serie B, e perfettamente recitata da un gruppo eclettico di attori: i premi Oscar Adrien Brody e Mahershala Ali; i personaggi nodosi Walton Goggins e Danny Trejo; i veterani del genere Alice Braga e Laurence Fishburne (che hanno riff di Apocalypse Now, nientemeno!); e, solo per completare le cose, un'ex star di una sitcom (Topher Grace) e un artista marziale misto (Oleg Taktarov). Sebbene ricordi molto il film originale (il personaggio di Braga ha persino sentito parlare dei suoi eventi), Predators sembra la voce meno dipendente da Predator; è un livido fantascientifico muscoloso e autonomo.

Predators è disponibile per la visione su Hulu.

Il predatore (2018)

Foto: Kimberley French/20th Century Fox

The Predator, nel frattempo, abbraccia il lignaggio: il co-sceneggiatore/regista Shane Black è apparso nel film originale, ha riscritto la sceneggiatura non accreditata ed è tornato all'ovile per la sua puntata, che disegna collegamenti con i precedenti sequel, remixa battute famose dall'originale e tenta spudoratamente di costruire un trampolino di lancio nel franchising contemporaneo con un finale che stuzzica più di quanto non risolve.È anche un po' un pasticcio, con una geografia circolare confusa, un terzo atto ovviamente rivisto e un ritratto di un bambino autistico (Jacob Tremblay) che rasenta l'insapore.

Ma anche un'idea condiscendente sulle persone nello spettro che rappresentano un salto evolutivo per l'umanità si adatta all'affetto di Black per i personaggi disadattati, cinici o comunque irriverenti che trovano un eroismo redentore. (Se sbaglia alcuni dettagli, è perché lui stesso è un adorabile pasticcione.) Questa è l'idea alla base di Black's Iron Man 3 e The Nice Guys (così come i numerosi film d'azione con amici che ha scritto), qui ampliato in uno sforzo di gruppo quando McKenna (Boyd Holbrook), padre del bambino autistico, riceve rinforzi inaspettati da soldati con disturbo da stress post-traumatico, sindrome di Tourette e una lesione cerebrale traumatica.Sono raggiunti da una biologa (Olivia Munn) e inseguiti da un sardonico cattivo del governo (Sterling K. Brown).

Le dinamiche indisciplinate dei personaggi corrispondono alla narrativa eccessivamente complicata di un normale Predator che arriva sulla Terra nel tentativo di mettere in guardia l'umanità su una specie in evoluzione (e invadente!) di predatori più grandi e cattivi.Nonostante la trama casuale che sembra rimasta dai suoi giorni da film poliziesco, Black e il suo frequente collaboratore Fred Dekker si assicurano che The Predator sia facilmente la voce più divertente della serie, con forti svolte da Holbrook, Munn, Brown e Keegan-Michael Key, tra gli altri, blaterare e chiacchierare intorno all'azione violenta.Dopo diverse voci in cui soldati e altri assassini sono costretti a stringere alleanze maschiliste, il legame maschile qui è quasi commovente.Inoltre, anche se il terzo atto è un pasticcio, non hai sempre voluto scoprire cosa succede quando qualcuno si trova all'esterno di un'astronave quando monta quegli scudi laser?

Il Predator è disponibile per la visione su FXNow o per il noleggio digitale o l'acquisto su piattaforme VOD.

Preda (2022)

Immagine: studi del 20° secolo

È un po' ridondante per la serie Predator tornare alle origini.Anche il più ambizioso tra i film precedenti non si allontana particolarmente da un gigantesco alieno corazzato che uccide gli umani.Detto questo, Dan Trachtenberg ha ridotto la serie di Cloverfield a una scala intima per 10 Cloverfield Lane, e tenta di fare lo stesso qui, con un calcio altrettanto femminista.Tornando al 18° secolo, Prey potrebbe essere la cosa più vicina a un remake del film originale finora, con foreste e campi delle Grandi Pianure che si sostituiscono alla giungla e una determinata donna Comanche di nome Naru (Amber Midthunder) al posto di L'olandese di Schwarzenegger.

A differenza di Dutch e del suo equipaggio - o di qualsiasi altro protagonista della serie Predator, in realtà - Naru in realtà va alla ricerca del Predator, determinata a dimostrare la sua buona fede come guerriera (e salvare la sua tribù da quella che tutti pensano debba essere una serie di orsi attacchi). Proprio come 10 Cloverfield Lane era un film di sopravvivenza sull'apocalisse in miniatura, Trachtenberg trasforma Prey in una svolta ordinata sull'uomo contro natura che fa eco all'originale senza imitarlo apertamente.Vedere un predatore che sconvolge una civiltà 300 anni prima della sua attuale iterazione ha sia novità che una strana risonanza, dato il passato a scacchi del nostro paese.Prey offre un'altra allettante visione della strana storia dei Predators; La Disney potrebbe essere tentata di seguirlo direttamente, ma la mossa intelligente sarebbe quella di continuare a saltare, non lasciare che questi film sciocchi ed ingannevolmente eclettici rimangano bloccati in una doverosa modalità di franchising.

Prey è disponibile per la visione su Hulu.

Tutte le categorie: Altri